Home / donna / Sanremo 2017: sulle strade del Festival a caccia di Vip

Sanremo 2017: sulle strade del Festival a caccia di Vip


Il Festival di Sanremo è sicuramente un’esperienza. Lo è per i telespettatori, certo, per i cantanti in gara, ovviamente, ma anche per chi si ritrova a passeggiare per la città dei fiori nel corso della kermesse. Quest’anno, per la sessantasettesima edizione alla conduzione c’è l’inedita coppia Carlo Conti-Maria De Filippi, una manna dal cielo per l’Auditel al netto di canzoni che, forse, non resteranno nella memoria collettiva. Comunque vada panta rei, direbbe Francesco Gabbani che, con i suoi maglioni fluo sta ricodificando il concetto di outfit festivaliero, divertendo e, soprattutto, divertendosi. La vittoria, chiunque qui ne è piuttosto certo, andrà a Fiorella Mannoia ma, camminando per le vie di Sanremo ci si imbatte per tanti altri papabili trionfatori fiori concorso. O semplicemente fuori. C’è chi va in giro travestito da Topolino, l’immortale sosia di Pavarotti, quella di Liz Taylor e non è poi così difficile imbattersi in scene di isteria di massa per l’apparizione di Serena Garitta nella hall di uno dei tanti lussuosissimi alberghi della cittadina ligure, addobbata a festa tra cartonati e musica live ad ogni angolo per la cosiddetta “Settimana Santa” della canzone italiana. Abbiamo incontrato molti di questi personaggi, scambiando due chiacchiere con loro come con i cantanti in gara. Ron, sciarpino multicolor al collo, si è dimostrato sereno nonostante il rischio eliminazione – poi scampato -, Marco Masini con la sigaretta elettronica, Clementino e la sua felpa del Napoli sul palco di Radio 2 insieme a Luca Barbarossa, la grande esclusa dalla gara dei “Giovani” Marianne Mirage che non abbassa la criniera dopo l’eliminazione perché le canzoni, dopotutto, non fanno male. La caccia al vip non è una missione così impossibile, tra una corsa e l’altra, te ne rendi conto quando ti ritrovi a due passi da Solange che, grazie anche alla capigliatura, spicca tra la folla in coda per ottenere un selfie da Fiorella Mannoia, l’artista più chiacchierata perché, appunto, in odore di vittoria, ma anche per la sua relazione con il compagno di 26 anni più giovane. Giovane è anche Tommaso Pini, eliminato dalla gara canora a un passo dalla finale, col suo look da Arancia Meccanica con tanto di bastone per prendere a metaforiche mazzate le cose che gli danno ansia. Giovane, giovanissima è anche Alice Paba, trionfatrice dell’ultima edizione di The Voice, all’Ariston in duetto con Nesli, fratello minore di Fabri Fibra. I due sembrano molto divertiti dal clima festivaliero anche se il televoto non li ha premiati. Bisogna saper perdere e soprattutto farlo con stile, il chiodo in pelle di Alice ne è una chiara dimostrazione. I tempi di attesa si scontrano con i ritmi serrati di una kermesse dove, alla fine, vale tutto. Minnie conforta Topolino invidioso dello scimpanzè di Gabbani, mentre per una piadina si può arrivare ad aspettare una quarantina di minuti. Buona. Nel frattempo sfilano davanti ai tavolini dei bar ragazzotti con fasce pretestuose e altisonanti come “il più bello d’Italia“, “miss in gambissima 2017” e anche questo, dopotutto, è colore. I giornalisti si affrettano verso la sala stampa coi pass in balia del vento, fortissimo e freddo, dell’inverno ligure. Una Liz Taylor raffreddata ci dice che sarebbe meglio spostare il Festival a marzo, onde evitare malanni di stagione. La sua canzone preferita di questa edizione è “Volare oh oh“, per la prossima, beh, chissà…

Approposito Antonio

Ciao, sono il Fondatore di Lubux!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *